Risotto alla sbirraglia

Tagliate il pollo a pezzi non troppo grandi scartando la carcassa. In una casseruola scaldate tre cucchiai d’olio e insaporitevi la cipolla tritata, poi aggiungete lo spezzatino di pollo, salate, mescolate e fate dorare. Spruzzatelo con poca acqua calda e cuocete per mezz’ora circa. Aggiungete il riso, mescolatelo bene con il pollo e lasciatelo insaporire. Quindi portatelo a cottura come un normale risotto versando poco brodo caldo alla volta. Dieci minuti prima di togliere il recipiente dal fuoco unite le rigaglie di pollo. Ritirate il risotto, mantecatelo con una noce di burro e con il formaggio grattugiato.

Sbirraglia. Da sbira una minestra di carne e trippa che, secondo la tradizione ligure, anticamente veniva servita agli uomini di guardia (sbirri) nell’area del porto di Genova. È anche il nome di questa densa minestra veneta a base di riso e pollo (vedi ricetta qui sopra) consumata soprattutto nella parte meridionale della regione. Dunque la denominazione ha probabilmente, per assonanza, questa origine ligure.

Ingredienti:

• 1 pollo

• 400 g di riso

• 1 l e 1/2 di brodo

• 60 g di formaggio grattugiato

• cipolla

• burro

• olio

• sale

Continua a leggere su : www.cucchiaio.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *